Crea sito

LetteraTurestorie

di Giorgio Baruzzi

Gerione

Dante descrive Gerione come un mostro demoniaco triforme. Il volto è umano, con la faccia di un uomo onesto, tanto l’aspetto esteriore appare benevolo. Invece il resto del corpo è quello di un serpente, con il petto e i fianchi ornati di linee intrecciate e di figure rotonde. Inoltre, il mostro ha due zampe artigliate e pelose fino alle ascelle e la coda biforcuta di uno scorpione. Dante lo raffigura come una sozza imagine di froda (v. 7).

Quindi Gerione, appare come allegoria della frode ed è messo a guardia dell’VIII cerchio, che ospita i fraudolenti (gli ingannatori). Il volto umano, che simula onestà e innocenza si unisce a un corpo di serpente, che rappresenta la falsità e malvagità dei fraudolenti. Il Gerione dantesco si richiama a fonti bibliche (Apocalisse di Giovanni) e alla zoologia figurativa medievale.

*

Nella mitologia greca Gerione è figlio di Crisaore e di Calliroe. Egli appare nel mito di Ercole quale gigante il cui corpo si ramifica in tre corpi distinti, dal bacino in su, con sei braccia, e tre teste. Gerione abita nell’isola Eritea, dove possiede un grande armento di magnifici buoi rossi custoditi dal pastore Euritione, un gigante anche lui, e dal cane a due teste Ortos.

Nella sua decima fatica Ercole, collocate le colonne che portano il suo nome nello stretto di Gibilterra, giunge sull’isola di Eritea dove uccide Ortos, Euritione e Gerione, impossessandosi dei buoi che condurrà ad Argo, al re Euristeo.

Canto XVII – Cerchio VIII

«Ecco la fiera con la coda aguzza,

che passa i monti e rompe i muri e l’armi!

Ecco colei che tutto ’l mondo appuzza!».                       3

Sì cominciò lo mio duca a parlarmi;

e accennolle che venisse a proda,

vicino al fin d’i passeggiati marmi.                                  6

E quella sozza imagine di froda

sen venne, e arrivò la testa e ’l busto,

ma ’n su la riva non trasse la coda.                                 9

La faccia sua era faccia d’uom giusto,

tanto benigna avea di fuor la pelle,

e d’un serpente tutto l’altro fusto;                                    12

due branche avea pilose insin l’ascelle;

lo dosso e ’l petto e ambedue le coste

dipinti avea di nodi e di rotelle.                                       15

Con più color, sommesse e sovraposte

non fer mai drappi Tartari né Turchi,

né fuor tai tele per Aragne imposte.                                18

Come talvolta stanno a riva i burchi,

che parte sono in acqua e parte in terra,

e come là tra li Tedeschi lurchi                                         21

bivero s’assetta a far sua guerra,

così la fiera pessima si stava

su l’orlo ch’è di pietra e ’l sabbion serra.                           24

Nel vano tutta sua coda guizzava,

torcendo in sù la venenosa forca

ch’a guisa di scorpion la punta armava.                             27

Index LetteraTUreStorie

Index Strumenti

Index Tematiche

Link utili

Print Friendly, PDF & Email

CC BY-NC-SA 4.0 Gerione by giorgiobaruzzi is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.